Laboratorio autobiografico: “Raccontarsi…”

Laboratorio autobiografico: “Raccontarsi…”

La proposta vuole essere un’occasione per conoscersi e riconoscersi nelle autobiografie degli altri, confrontandosi con la loro storia. Il laboratorio che si propone sarà organizzato in 2 incontri per un totale di 8 ore.

Il primo incontro vuole introdurre le partecipanti alle potenzialità dell’approccio autobiografico come momento di:

  • auto-riflessione
  • cura di sé
  • possibilità auto-formativa

chalkboard-620316_640

Il secondo incontro avvicinerà in maniera specifica la dimensione dell’ascolto, attraverso la sperimentazione di diversi strumenti autobiografici. Ci si soffermerà, inoltre, ad analizzare le differenti storie di donne, confrontandosi con la pluralizzazione dell’esperienza e dei mondi di significato dell’esperienza femminile, valorizzandone i saperi, svelandone i vincoli e ostacoli, ricostruendo una storia di comune impegno e appartenenza.

LE DATE 

  • 24 settembre dalle ore 16.00 alle 20.00
  • 14 ottobre dalle ore 16.00 alle 20.00

LA SEDE

Il corso si terrà presso la sede del Cesvov Varese (Via L. Brambilla, 15, 21100 Varese).

I PARTECIPANTI

Numero massimo di partecipanti: 20.

LA CONDUTTRICE

Il percorso sarà condotto da Sonia Bella, coordinatrice Cooperativa Lotta contro l’emarginazione, collaboratrice alla Cattedra di Pedagogia Sociale Università Milano/Bicocca, esperta metodologia autobiografica e pedagogia della differenza di genere.

PER PARTECIPARE

Per iscriverti basterà inviare un’email all’indirizzo eosvarese@virgilio.it, specificando:

  • nome e cognome
  • professione
  • recapito telefonico
  • ente di appartenenza (facoltativo)

female-865110_640

PERCHÉ PROPRIO L’AUTOBIOGRAFIA?

L’autobiografia è un genere letterario antico alla portata di chiunque sappia leggere e scrivere e voglia raccontare di sé e della propria vita, di quel che ha fatto, imparato, visto nel corso degli anni. Oggi, l’autobiografia è stata riscoperta anche come metodo di formazione, poiché raccontandosi – indipendentemente dall’età – si apprende a documentare la propria esperienza al passato e al presente, a lasciare una testimonianza di sé agli altri, a pensare e a riflettere meglio.

La scrittura di sé alimenta domande e interrogativi sul perché e come si è vissuto, perché si sono fatte talune scelte e non altre.
Ogni autobiografo/a ha modo quindi di riscoprire i grandi misteri legati al senso della propria storia, che si ripresentano di fronte alle esperienze cruciali.

Laboratorio facente parte del progetto “Armonie di voci per progetti di donne” – Bando volontariato 2014, Cesvov – ideato con Donna SIcura di Travedona Monate e Centro Icore di Gorla Maggiore, centri di ascolto e accompagnamento per le donne maltrattate.